Decalogo per una buona nutrizione

Un decalogo per una buona nutrizione:

  • Se non mangia volentieri, fategli fare una passeggiata al giorno, che stimolerà il suo appetito.
  • Badate all’aspetto della tavola:una tovaglia colorata, ben apparecchiata, stimola la voglia di mangiare.
  • Se il malato è in grado di farlo, incoraggiatelo a partecipare alla preparazione del pasto. Si sentirà utile e attivo.
  • Date tutto il tempo necessario al malato, perché trovi il suo ritmo durante il pasto evitando che altre preoccupazioni possano distogliere la sua attenzione dal cibo
  • Gratificatelo con pietanze di suo gradimento, ma evitando cibi complicati, o difficili da masticare se ha problemi di dentatura.
  • Spesso il malato dimentica di aver già mangiato e insiste per ricominciare subito dopo il pasto. Cercate di distogliere la sua attenzione, interessandolo ad altro, ma se insiste dategli uno spuntino, possibilmente un frutto.
  • Finchè è in grado di farlo, dategli la possibilità di alimentarsi da solo. Quando il suo comportamento a tavola comincia a peggiorare, sostituite i piatti con scodelle e la forchetta con il cucchiaio.
  • Se non sembra riconoscere gli alimenti che ha nel piatto, aiutatelo a portare la posata alla bocca.
  • Negli stadi avanzati  della malattia, tagliate gli alimenti in piccoli bocconi o addirittura frullateli.
  • Se non apre la bocca, toccategli dolcemente le labbra con il cucchiaio, ma non cercate mai di insistere con un malato in stato di crisi, soprattutto se è coricato o sonnolente: potrebbe causargli soffocamento o altri danni.

Articolo precedente